Come Psicologo e Psicoterapeuta il dr. Roberto Barbiani si occupa non solo di psicopatologie, ma anche di disagio esistenziale, di sofferenza personale, di difficoltà relazionali. La sua attività ha l’obbiettivo di promuovere il cambiamento, potenziare le risorse, individuare la soluzione dei problemi e si rivolge a persone adulte, adolescenti e bambini, a coppie e famiglie che, in particolari momenti della vita, attraversano momenti di difficoltà spesso dovuti:

  • a condizioni di sofferenza psicologica (ansia, attacchi di panico, ipocondria, depressione, disturbi alimentari, problemi sessuali, dipendenze, ecc.)
  • a disturbi della personalità (disturbo borderline, ossessivo-compulsivo, narcisistico, antisociale, ecc.) e del tono dell’umore (disturbo bipolare, ciclotimia, mancanza di autostima, difficoltà nel controllo delle emozioni, ecc.)
  • a disagi relazionali e comunicativi (conflitti di coppia, separazioni, difficoltà relazionali genitori/figli, ecc.)
  • a passaggi critici nel ciclo di vita (malattie, nascite, divorzi, lutti, problemi dell’età evolutiva, ecc.)
  • a criticità legate all’ambiente lavorativo e scolastico

A tutti capita di vivere momenti difficili, di confusione e di sofferenza e talvolta non basta cercare la forza dentro di sé o il supporto di amici e parenti per superarli. Talvolta il malessere che ci affligge e che ci fa sentire sempre più impotenti e inadeguati, come intrappolati in situazioni senza sbocco, rimanda a problemi che nel passato non abbiamo avuto la forza o la possibilità di affrontare o di rielaborare e che si sono cronicizzati. Oppure un evento imprevisto ci destabilizza, sconvolgendo il nostro equilibrio e mettendo a repentaglio il nostro benessere.

Per affrontare tali situazioni il dr. Roberto Barbiani propone percorsi terapeutici individuali, famigliari e di coppia finalizzati al prendersi cura di sé e della propria salute, per migliorare la qualità della propria vita, ritagliandosi uno spazio personale di incontro, di racconto e di ascolto, dove non si viene giudicati e dove si impara a non giudicarsi.